Skip to main content
Tempo di lettura: 4 minuti

Se abbiamo imparato qualcosa nei nostri dieci anni di ascolto di storie alle Fuckup Nights è che il fallimento è scomodo e universale, e fa paura in misura maggiore o minore.

Tuttavia, questa narrazione della “paura del fallimento” è diventata un’abbreviazione per comprendere situazioni più astratte. In questo caso, quando diciamo “paura del fallimento”, diciamo molte cose; temiamo le sue conseguenze: essere licenziati, perdere denaro, danneggiare la nostra reputazione, tradire le nostre e le altrui aspettative o non essere all’altezza dei nostri valori.

La paura di fallire è la paura di quel nodo in gola, di trattenere le lacrime, di arrossire o di non trovare le parole per condividere la cattiva notizia. Chi non vorrebbe che gli errori fossero rapidi e silenziosi per poter andare avanti con la propria vita? È una paura naturale legata al senso di colpa e alla vergogna.

Poco è sotto il nostro controllo. Ma è interessante notare che quel “poco” fa una grande differenza quando affrontiamo l’esperienza del fallimento. Possiamo gestire il modo in cui ci rapportiamo al fallimento e gestire il senso di colpa e la vergogna post-fallimento. E perché no? Diventare ambiziosi e cercare di controllare le reazioni collettive al fallimento. Ma come?

Paura e vergogna

La sensazione spiacevole che proviamo quando falliamo è un misto di emozioni viscerali come la paura, il senso di colpa e la vergogna. E sebbene si sentano molto simili, sono cose piuttosto diverse.
La paura è un’emozione potente; ci avverte di una minaccia alla nostra sicurezza fisica o mentale. Ci prepara a fuggire (o meno) da situazioni reali o immaginarie (immaginarie come gli scenari catastrofici che abbiamo in testa quando falliamo.

Questa paura serve come materia prima per il senso di colpa e la vergogna. Due concetti che tendiamo a confondere e a usare erroneamente.

Quando parliamo di vergogna, parliamo di un’emozione sociale che deriva da situazioni che potremmo considerare socialmente immorali o condannabili. Intorno ai due anni, iniziamo a percepirci come esseri indipendenti dai nostri genitori, capaci di agire e di vederne le conseguenze. Con il tempo, impariamo le norme sociali e ciò che è giusto e ci si aspetta da noi. La vergogna è una difesa a una colpa che potrebbe minacciare la nostra appartenenza.

Sebbene sia un meccanismo sociale di coping per identificare, adottare o correggere comportamenti e aspettative sociali accettabili, può essere un’emozione negativa e paralizzante.

Di fronte alla paura di “non essere all’altezza”, la vergogna ci dice che è perché “siamo cattivi”, mentre il senso di colpa ci dice che è perché “abbiamo fatto qualcosa di sbagliato”. Questa sottile differenza è fondamentale.

Senso di colpa vs. vergogna

Il senso di colpa è un’altra emozione che deriva dalla nostra autocoscienza; differenziarla dalla vergogna può darci delle alternative per gestire e reagire meglio al fallimento.

Questa differenza tra “essere” e “fare” qualcosa di brutto ci offre due scenari mentali diversi: uno più propositivo dell’altro e con maggiori margini di miglioramento. Prima di addentrarci in un’analisi psicoanalitica, Brené Brown, scrittrice e ricercatrice su questo tema, riassume brillantemente la questione:

Il senso di colpa ci dice: ‘Ho fatto qualcosa di sbagliato o non sono riuscito a realizzare qualcosa che è allineato con i miei valori’. È una sensazione terribile. Devo fare ammenda, cambiare e ritenermi responsabile. Devo rimediare.

È rischioso dire che il senso di colpa è meglio della vergogna. Si tratta pur sempre di emozioni negative che, se nascoste o gestite male, possono portare ad altre conseguenze psicologiche. Tuttavia, possiamo dire che la vergogna è meno costruttiva e, se sostituita dal senso di colpa, ci allontana dal peso di essere il problema e ci avvicina al desiderio di concentrarci sulle soluzioni e sulle azioni per contrastare questa sensazione.

Ora, la domanda è: come sostituire la vergogna con il senso di colpa?

Ho fallito e adesso? Come gestire le emozioni post fallimento | fallimento

Dialoghi interiori e perdono

I dialoghi interiori di estrema autocompassione svolgono un ruolo cruciale nella capacità di sviluppare la resilienza di fronte alle crisi e ai fallimenti. Se un caro amico o un familiare commettesse il vostro stesso errore, come cerchereste di confortarlo?

È necessario concentrarsi sui fatti: siamo umani, commettiamo errori, non siamo perfetti. Questo ci permette di ampliare il nostro vocabolario con parole legate all’accettazione e al perdono. Perdonare e accettare gli errori di una “versione passata” di noi stessi ci pone in un canale di costante trasformazione.

La psicologa sociale Marilyn A. Cronish propone un metodo terapeutico delle “4 R” per trovare il perdono di sé:

  • Responsabilità: affrontare ciò che è accaduto e accettare la responsabilità delle nostre azioni.
  • Rimorso: è normale provare vergogna o senso di colpa. Fa parte del processo di cambiamento, di ricerca della motivazione e di trasformazione in una versione migliore di noi stessi. Dobbiamo accettare queste emozioni senza aggrapparci ad esse.
  • Ripristino: Chiedere perdono, cercare e chiedere modi per fare ammenda e agire, e mettersi in una posizione più propositiva.
  • Rinnovamento: Riflettere per sfruttare al meglio questi processi e trasformare una situazione spiacevole o dolorosa in qualcosa di positivo. Perché è successo? Cosa avreste potuto fare meglio? Cosa vi ha spinto a farlo?

Reazione e gestione

Come individui, possiamo riconfigurare il nostro rapporto con il fallimento e cercare di affrontare la paura, la vergogna e il senso di colpa; tuttavia, come parte di una società, le azioni che intraprendiamo possono cambiare la radice del problema, ovvero il modo in cui reagiamo e gestiamo il fallimento.

Quando non riusciamo a soddisfare determinate aspettative, abbiamo inevitabilmente la sensazione di non essere all’altezza di una situazione personale, lavorativa, accademica o sociale. Ci sentiamo un fallimento. E questa sensazione non è altro che il modo in cui siamo stati giudicati e ci è stato insegnato a giudicare.

Negli spazi in cui conviviamo, di solito ci sono accuse, giudizi di valore e conseguenze sproporzionate per il fallimento, che ci condannano a smettere di provare, a non cogliere le opportunità e a nascondere alcuni aspetti di noi stessi per non essere esposti.

Sul posto di lavoro, avere un piano di gestione dei fallimenti è importante per qualsiasi organizzazione.

Mettere sul tavolo concetti come il fallimento e le aspettative apre spazi preziosi non solo sul posto di lavoro, ma anche nei gruppi accademici e familiari.

In questi dieci anni di lavoro sul fallimento, abbiamo imparato che non si tratta di evitarlo o di trattenerlo, ma di affrontarlo, gestirlo ed essere più consapevoli della nostra natura fallibile. Avete fallito e prima o poi fallirete. Come volete affrontarlo?